Capriasca

Alfonsina Storni da Sala Capriasca a Buenos Aires

Data

08 febbraio 2017

Luogo

Tesserete, Oratorio, alle 20.15

Contatti

Archivio audivisivo di Capriasca e Val Colla

info@acvc.ch
Sito web

Condividi

In occasione della mostra itinerante "Tutto parla di te”, Maria Giuseppina Scanziani ci parlerà di questo importante personaggio anticonformista

Alfonsina Storni nasce nel 1892 a Sala Capriasca. Nel 1896 la famiglia si trasferisce in Argentina, a Rosario. Nel corso della sua breve vita, torna solamente una volta in Capriasca, ma della sua primissima infanzia conserverà sempre un caro ricordo e ne parlerà con affetto. Vive una vita anticonformista, ignorando le norme sociali e i pregiudizi: cresce un figlio senza un compagno al proprio fianco, e grazie alla sua determinazione riesce a imporsi in un mondo intellettuale allora composto da soli uomini. 

Di mestiere insegnante, si occupa anche di giornalismo; la sua fama si deve soprattutto alle poesie, che le conferiscono notorietà già in vita. Amatissima in Argentina, Alfonsina Storni ha ispirato canzoni e soggetti teatrali; le sue poesie vengono tutt’oggi recitate pubblicamente e influenzano il mondo dell’arte per la loro grande attualità. 

La sera del 24 ottobre 1938 scrive la sua ultima poesia, “Voy a dormir”, per poi affidarsi alle onde del mare: viene ritrovata la mattna seguente sulla spiaggia di Mar del Plata.

Maria Giuseppina Scanziani si è laureata in lingue e letterature straniere all’Università Bocconi di Milano e in lettere italiane all’Università di Tor Vergata di Roma. Fino al giugno 2010 ha insegnato letteratura italiana al Liceo di Mendrisio dove, fra l’altro, ha ripetutamente tenuto seminari di traduzione letteraria e di scrittura creativa per le classi quarte.

Con il sostegno di: 
Centro di dialettologia e di etnografia
Comune di Capriasca
Città di Lugano
Ente turistico del Luganese
Banca Raiffeisen del Cassarate
Fondazione ing. Pasquale Lucchini
La Buona Stampa